Ai fini della determinazione del tasso soglia gli interessi corrispettivi non sono cumulabili con quelli moratori

Estremi:
Tribunale Catanzaro, sez. II, 28/02/2023, n. 321

Ai fini della determinazione del tasso soglia gli interessi corrispettivi non sono cumulabili con quelli moratori

Gli interessi corrispettivi costituiscono il corrispettivo previsto per il godimento diretto di una somma di denaro mentre quelli moratori costituiscono una liquidazione anticipata, presuntiva e forfettaria del danno causato dall’inadempimento o dal ritardato adempimento di un’obbligazione pecuniaria. Le due tipologie di interessi si distinguono anche sul piano della disciplina applicabile, in quanto gli interessi corrispettivi trovano il proprio titolo direttamente nel contratto di mutuo a differenza di quelli moratori il cui titolo è rappresentato dalla situazione di ritardo del mutuatario. Stante la diversità di funzione delle due categorie di interessi, ai fini della determinazione del tasso soglia, non è possibile procedere al loro cumulo.

Hai bisogno di una consulenza?

Contatta lo Studio Caramanico

Caramanico Alessandro Commercialista e Revisore Contabile.